I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

  10 mesi 2022 10 mesi 2021 Diff. % Ott. 2022 Ott. 2021 Diff. %
Austria 179.270 204.636 -12,40 16.061 14.755 8,85
Belgio 311.941 338.612 -7,88 30.451 25.045 21,59
Bulgaria 24.359 20.842 16,87 2.384 1.802 32,30
Cipro 9.895 9.403 5,23 824 814 1,23
Croazia 37.589 39.947 -5,90 3.024 2.812 7,54
Danimarca 119.957 152.598 -21,39 10.852 12.663 -14,30
Estonia 17.853 19.872 -10,16 1.672 1.339 24,87
Finlandia 69.117 85.277 -18,95 6.195 6.613 -6,32
Francia 1.237.048 1.378.892 -10,29 124.981 118.519 5,45
Germania 2.076.527 2.196.244 -5,45 208.642 178.683 16,77
Grecia 90.727 88.091 2,99 7.791 6.335 22,98
Irlanda 104.054 103.425 0,61 2.622 2.680 -2,16
Italia 1.091.894 1.266.795 -13,81 115.827 101.103 14,56
Lettonia 14.049 12.488 12,50 1.408 874 61,10
Lituania 22.315 27.908 -20,04 1.709 1.555 9,90
Lussemburgo 35.538 37.963 -6,39 3.465 2.952 17,38
Paesi Bassi 253.764 259.870 -2,35 28.992 24.081 20,39
Polonia 348.681 378.534 -7,89 32.001 31.259 2,37
Portogallo 126.322 123.101 2,62 12.560 10.576 18,76
Repubblica Ceca 160.126 174.494 -8,23 16.283 12.670 28,52
Romania 105.817 97.870 8,12 10.541 9.608 9,71
Slovacchia 65.634 64.486 1,78 7.528 5.767 30,54
Slovenia 40.191 47.319 -15,06 3.433 4.221 -18,67
Spagna 666.247 706.997 -5,76 65.966 59.043 11,73
Svezia 227.023 252.345 -10,03 22.383 19.962 12,13
Ungheria 94.027 103.683 -9,31 8.260 9.130 -9,53
Unione Europea (UE) 7.529.965 8.191.692 -8,08 745.855 664.861 12,18
EU14* 6.589.429 7.194.846 -8,41 656.788 583.010 12,65
EU12 940.536 996.846 -5,65 89.067 81.851 8,82
Islanda 13.873 10.543 31,58 811 740 9,59
Norvegia 115.319 140.435 -17,88 12.558 11.579 8,45
Svizzera 179.791 195.133 -7,86 17.185 15.060 14,11
EFTA 308.983 346.111 -10,73 30.554 27.379 11,60
Gran Bretagna 1.342.712 1.422.879 -5,63 134.344 106.265 26,42
Totale EU + EFTA + GB 9.181.660 9.960.682 -7,82 910.753 798.505 14,06
             
*i dati di Malta non sono attualmente disponibili            
Dati al 17/11/2022            

Bilanci in positivo, che il sereno torni pure

Novembre, mese di verifiche. Tutto bene per l’auto, lo si legge dai bilanci di periodo. Procedendo in ordine sparso e solo per citarne alcuni, per Volkswagen aspettative confermate, crescita del Gruppo e margine operativo all’8,6%. In Cina si accelera la ripresa.
Per Stellantis ricavi netti in crescita del 29%.
Renault aumenta il fatturato, con Dacia e Alpine che proseguono a riscuotere successi.
BMW Group: forte performance operativa.
Mazda, nel primo semestre fiscale parametri in positivo.
Mercedes-Benz Group registra solidi risultati finanziari.
Nissan in rialzo.
L’unica nota in fuga dall’armonioso spartito è di Toyota: secondo trimestre fiscale, utili in calo del 30%. Toyota motiva con la crescita dei prezzi delle materie prime, oltre a 97 miliardi di oneri straordinari dovuti alla chiusura della fabbrica russa di San Pietroburgo. Tuttavia, sempre da Toyota arriva la dichiarazione che la produzione è aumentata del 30% e che a settembre ha prodotto 887.733 veicoli a livello globale, un record per un singolo mese e un salto del 73% tendenziale. L’avvertimento del portavoce di Toyota considera la crescita della produzione di settembre come non sostenibile e aggiunge: “Eviteremmo di chiamarla ripresa”. Nobile intelletto, ma ognuno può dare ai risultati del proprio business il nome che crede, l’importante è che i conti tornino.

E se la crescita rimbalza negli Stati Uniti e in Cina, anche l’industria automobilistica europea si è data da fare per far quadrare i conti e per recuperare il passivo portato da guerra, forniture mancate e limiti di emissioni, affidandosi alla strategia dei prezzi elevati e del target sul mercato premium.

Leggi tutto...